BENESSERE …intestinale

Buongiorno a tutti i miei lettori, bentornati!

Siete riusciti a “staccare” un momento dopo questo periodo difficile? Spero proprio di sì…noi siamo operativi e stiamo pensando al vostro benessere!
Non sto parlando di benessere in generale ma di benessere…intestinale!

L’intestino, definito il secondo cervello, oltre alle funzioni proprie dell’assorbimento dei nutrienti e della produzione ed eliminazione delle scorie, ha numerosissime altre funzioni.

Infatti è dotato di un proprio sistema nervoso autonomo (enterico) che usa gli stessi mediatori chimici del sistema nervoso centrale (cervello) ed è in grado di comunicare con il cervello stesso e viceversa.

Non per nulla spesso momenti di stress incidono immediatamente sulla funzione intestinale così come certe scelte vengono fatte “di pancia” più che con la testa.
Ecco perché un intestino “sano” da un benessere generale.

Allora cosa dobbiamo fare?

La parete intestinale sana è rivestita da una sorta di film di protezione che in simbiosi con il microbiota intestinale forma una vera e propria “barriera” che fa passare solo ciò che serve e non tutto quello che può essere dannoso.

Se questo epitelio si frammenta invece ecco che queste sostanze dannose riescono a passare con conseguenze sul nostro stato generale di salute e di benessere.

Che fare allora? Ci sono molteplici prodotti che ci vengono in aiuto.
Non è sufficiente prendere dei fermenti lattici a caso perché su una parete intestinale alterata, farebbero fatica ad attecchire e scivolerebbero via. Occorre preparare il terreno affinché i probiotici possano poi colonizzare.

E questo lo si può fare in tanti modi, ma in base alla mia esperienza, consiglio o LD2, flaconcini con lattoferrina (antimicrobico, antinfiammatorio naturale della mucosa intestinale), un disinfettante naturale che è il cranberry e dei frammenti di fermenti lattici, che servono a dare una “memoria” affinché l’intestino, quando riceverà i fermenti buoni li trattenga. Un ciclo di 10 gg al mese per 3 mesi migliorerà anche le difese immunitarie. Quindi non dimentichiamocene per prepararci all’inverno.

Nell’intervallo tra una confezione e l’altra per 20 gg si assumeranno i fermenti lattici classici ,ad esempio LD proactive che contiene 50 miliardi di fermenti per compressa…quindi un ottimo dosaggio!

Alternativa altrettanto valida, OROFLOR buste. E’ anche lui un prodotto innovativo perché ha ,per ogni dose un alto contenuto di lattoalbumina, una proteina che ha molte proprietà : e’ un ottimo prebiotico, ha azione antinfiammatoria ed impedisce ai batteri cattivi di attecchire sulla parete dell’intestino. In più ogni dose contiene un insieme di probiotici con diversi ceppi per colonizzare al meglio i vari distretti dell’intestino. In tutto questo discorso sull’intestino e’ pero importante ricordare anche tutti gli integratori della Bromatech, una azienda che studia a fondo le varie problematiche di colonizzazione e benessere intestinale .Al di la dei vari protocolli per la soluzione di problemi che di per se’ non sembrano essere legati alla flora intestinale ,come le cistiti ricorrenti o i disturbi del sonno, (problemi che invece hanno un grande giovamento con questi integratori mirati), vi sono diversi prodotti che usati in sequenza permettono di eliminare tossine,batteri cattivi, inserire la flora corretta per ogni distretto del digerente. Parliamo di Enterelle, bifiselle e ramnoselle. Insomma, un mondo da scoprire! Se volete saperne di piu’ e provara alcuni prodotti, la Farmacia Leva organizza la GIORNTA DEL BENESSERE INTESTINALE.

Dott.ssa Enrica Mazza
farmacista

© Farmacia Leva 2020 – Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi domanda, dubbio o chiarimento riguardo al dosaggio e alle modalità prescrittive potete contattarci telefonicamente, scrivere a info@farmacialeva.it, visitare la nostra Pagina Facebook o venire direttamente in Farmacia per un consulto con i nostri dottori
Le informazioni contenute in questo articolo sono elaborati sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e basandosi sulla nostra pratica comune, hanno soli scopi informativi e non hanno pertanto valore di prescrizione medica, non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Leave a reply