PSORIASI: Cos’è e come curarsi

Solo in Italia sono 3 milioni le persone affette da psoriasi, si tratta di una patologia infiammatoria della pelle di origine autoimmune, cioè è l’organismo stesso ad innescare delle reazioni allergiche contro sè stesso.

Queste si manifestano con pelle secca, che desquama, con delle macchie alla base rosse e alla sommità biancastre, che possono essere pruriginose oppure provocare bruciore.

Essendo la pelle l’organo più esteso e facendo da tramite con l’interno ci possono essere delle compromissioni anche degli organi interni, se trascurata o non trattata, ma più comunemente colpisce mani, piedi, gomiti, ginocchia e cuoio cappelluto.

Il problema maggiore però molto spesso è l’impatto psicologico, le persone affette da psoriasi tendono a chiudersi in sé e a cadere in un vero e proprio stato di depressione, tant’è che si paragonano ai malati oncologici, nella migliore delle ipotesi si hanno dei disagi nella vita sociale.

Il consiglio che possiamo dare è sicuramente quello di rivolgersi quanto prima ad uno specialista in dermatologia e seguire scrupolosamente la terapia indicata, senza sottovalutare un supporto psicologico.

A scopo informativo riportiamo una serie di prodotti ad uso locale che non si trovano in commercio, ma che molto spesso vengono prescritti dagli specialisti, per i quali è necessario rivolgersi ad un laboratorio galenico, come quello presente nella nostra farmacia.

Partiamo  dalla semplice cold cream a base di urea alle svariate concentrazioni, si parte da < 10% sino ad arrivare a > 40%, ad azione esfogliante, riparatrice, ammorbidente e antinfiammatoria.

L’acido salicilico sotto forma di unguento nella nota vaselina salicilica dal 2% al 15% ad azione cheratolitica.

Il cloruro mercuroso, anche conosciuto come calomelano, utilizzato per lo più in lozione al 10% per la psoriasi del cuoio cappelluto.

Catrame sia vegetale sia minerale alle concentrazioni 2-20% agisce come disinfettante, antibatterico, cheratolitico e antipruriginoso.

Ditranolo, anche conosciuto come antralina o cignolina, utilizzato alle concentrazioni 0,05% -1% viene utilizzato per inibire l’iperproliferazione dei cheratinociti, ridurre la risposta infiammatoria e per l’azione immunosoppressiva.

Zolfo, il più antico rimedio, basti pensare alle acque sulfuree termali, rientra tra le sostanze riducenti, ovvero è capace di contrastare la proliferazione delle cellule cutanee.

Tutti gli attivi sopracitati possono esser utilizzati da soli o in associazione tra di loro, l’importante è non affidarsi al passaparola o al fai da te, in quanto anche l’utilizzo prolungato ad alte concentrazioni può portare a problemi di sensibilizzazione e per le pelli più delicate può essere irritante,

Fondamentale è rivolgersi ad uno specialista e nel caso in cui valuti la necessità di ricorrere a preparati galenici magistrali, pensati proprio per il singolo soggetto, per poterli richiedere nella maggior parte dei case è necessario avere una ricetta.

Dott.ssa Claudia Blandino – Resp. Laboratorio
© Farmacia Leva 2015 – Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi domanda, dubbio o chiarimento riguardo al dosaggio e alle modalità prescrittive potete contattarci telefonicamente, scrivere a laboratorio@farmacialeva.it, visitare la nostra Pagina Facebook o venire direttamente in Farmacia per un consulto con i nostri dottori
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Leave a reply