CELLULITE: un aiuto dal tuo terapista

In questa stagione ancor più che negli altri periodi dell’anno questo termine risuona assai familiare, in particolare nelle conversazioni femminili: ma cos’è la cellulite?

La cellulite viene vissuta come un problema estetico, ma si tratta in realtà di uno stato infiammatorio dello strato sottocutaneo che determina una problematica funzionale nella salute dei tessuti e degli organi.

Non si tratta dunque di semplice grasso in eccesso, ma molteplici sono i fattori scatenanti:

  • in primis, la predisposizione genetica individuale
  • i disordini nutrizionali e disturbi del metabolismo
  • i difetti del microcircolo sanguigno e linfatico
  • alcuni fattori ormonali
  • alterazioni a livello di cute, sottocute e connettivo

Ma come possono la fisioterapia e l’osteopatia intervenire nel trattamento e nella prevenzione della cellulite?

In primo piano, bisogna ricordarsi che l’attività fisica regolare ed equilibrata migliora l’apporto sanguigno ai tessuti: un rallentato flusso sanguigno comporta una riduzione del nutrimento tissutale e uno scarso apporto di ossigeno, con conseguente difficoltà nell’eliminazione delle tossine.

Utile è associare terapie locali quali massaggi linfodrenanti: in questo modo si stimola il sistema immunitario e si favorisce l’eliminazione delle tossine e la rimozione dei liquidi interstiziali in eccesso, migliorando la circolazione linfatica e sanguigna.

Assolutamente da non trascurare è il buon funzionamento della muscolatura diaframmatica e pelvica: questi due punti, infatti, sono i principali snodi della pompa vascolare e linfatica delle gambe e della zona addominale.
A livello addomino-pelvico risulta quindi importante la mobilità delle colonna vertebrale e del bacino, l’azione dei muscoli pelvici e la fisiologica mobilità degli organi contenuti: utero, vescica e il tratto intestinale.
Aderenze e/o riduzioni di mobilità della zona addomino-pelvica possono, infatti, contribuire a rallentare il ritorno venoso e linfatico.

È importante, quindi, mantenere una regolarità mestruale, favorire il drenaggio vescicale e mantenere una buona funzionalità intestinale. Tramite le mestruazioni e le urine, infatti, eliminiamo tossine e liquidi in eccesso. Si deve quindi introdurre il giusto apporto idrico e migliorare, talvolta anche tramite trattamenti manuali, la qualità della mobilità dei tessuti uterini e vescicali e il tono della muscolatura pelvica e addominale.

Nell’intestino, invece, dobbiamo ricordare che abbiamo un’importante rete linfatica. Qui avvengono alcuni importanti processi immunitari e, ovviamente, le funzioni di assorbimento dei nutrienti: pertanto una stasi intestinale può essere una delle concause della ritenzione sottocutanea.

Come sempre ricordiamo che prima di intraprendere qualsiasi tipo di trattamento e/o cura, risulta fondamentale consultarsi con il proprio medico di riferimento per eventuali indagini ed esami medici preliminari e/o eventuali patologie pregresse.

È sempre opportuno, inoltre, affidarsi a professionisti per una corretta gestione dei propri sintomi e del proprio benessere fisico!

Dott.ssa Sara Pasquotto
Fisioterapista
Tel. + 39 340 2378351
www.facebook.com/EnergheiaStudioTorino

© Farmacia Leva 2019 – Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi domanda, dubbio o chiarimento riguardo al dosaggio e alle modalità prescrittive potete contattarci telefonicamente, scrivere a info@farmacialeva.it, visitare la nostra Pagina Facebook o venire direttamente in Farmacia per un consulto con i nostri dottori
Le informazioni contenute in questo articolo sono elaborati sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e basandosi sulla nostra pratica comune, hanno soli scopi informativi e non hanno pertanto valore di prescrizione medica, non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply