ANSIA: esami e interrogazioni di fine anno

Buongiorno a tutti i miei lettori!

Ormai si avvicina la fine dell’anno scolastico e con essa l’incremento di verifiche e l’avvicinarsi degli esami sia per le scuole che per gli studenti universitari.

Se i nostri ragazzi cominciano a manifestare sintomi di stanchezza, di agitazione… vediamo come possiamo aiutarli ad essere in forma per concludere al meglio l’anno scolastico.

Spesso si pensa che usando sostanze che vengono definite “toniche” si migliori la situazione.
In realtà gli stimolanti danno un aiuto sul momento ma, richiedendo all’organismo già provato un’ulteriore performance energetica, faranno sì che dopo l’effetto tonico, si ripresenterà una situazione di stanchezza ancora più profonda.

Cerchiamo quindi di aiutare l’organismo a recuperare vitalità con metodologie diverse, dando la possibilità all’organismo di trovare l’energia dentro di noi.

Non dimentichiamo che, come ho detto in un precedente articolo (leggi qui), lo stress anche solo emozionale, mette in moto una serie di meccanismi che riducono la risposta immunitaria, diminuiscono la funzionalità del sistema nervoso simpatico e volontario. E poi non dimentichiamo che lo stress ci porta ad avere un’infiammazione anche a livello del gastroenterico, con ripercussioni anche a livello del SNC, con neuro-infiammazione e quindi depressione, ansia ecc…

Per abbassare lo stress può essere molto utile la combinazione New Era A che è un insieme di sali minerali (sali di Schuessler) mirati ad abbassare lo stress nervoso ed a riequilibrare il sistema neurovegetativo.

Se lo stress è invece più datato è maggiormente utile il complesso B che contiene rimedi che consentono di ovviare alla situazione di stress presente da diverso tempo caratterizzata da stanchezza cronica, carenza di memoria e concentrazione. Il complesso B è quindi un grosso aiuto per gli studenti!

Se poi nonostante tutto, ci sono momenti durante la giornata di particolare crisi (ad esempio dopo pranzo si deve studiare e ci si addormenta sui libri…) con una bustina di Blu Brain sciolta in bocca…  si riconnette il cervello ma senza avvertire agitazione grazie alla presenza di sostanze vegetali “adattogene” cioè che danno sostegno dove serve in risposta a stress aspecifico.
Tra di esse troviamo l’Ashwagandha, una pianta usatissima nella medicina ayurvedica, oltre ad altri estratti vegetali. Per circa 3 ore dall’assunzione si riprende a studiare con nuovo sprint!!

Se invece non è tanto la stanchezza quanto l’agitazione che crea problemi, allora conviene usare un omeopatico spagirico che si chiama PSY-STABIL che non è un sedativo ma uno stabilizzante del sistema nervoso ed è utile per riportare in tranquillità i nostri studenti.

E se, quando siamo in prossimità della prova o dell’esame, la paura “paralizza” e non si riesce più nemmeno a parlare allora GELSEMIUM 30CH è il rimedio giusto. Sono dei granuli omeopatici da assumere già il giorno prima ed anche immediatamente prima della prova.

Resto come sempre a vostra disposizione per chiarimenti o domande e…buon esame a tutti!

Dott.ssa Enrica Mazza

© Farmacia Leva 2019 – Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi domanda, dubbio o chiarimento riguardo al dosaggio e alle modalità prescrittive potete contattarci telefonicamente, scrivere a info@farmacialeva.it, visitare la nostra Pagina Facebook o venire direttamente in Farmacia per un consulto con i nostri dottori
Le informazioni contenute in questo articolo sono elaborati sulla rilettura critica di articoli scientifici, testi universitari e basandosi sulla nostra pratica comune, hanno soli scopi informativi e non hanno pertanto valore di prescrizione medica, non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply