IN FARMACIA: Un consulto per sentirsi meglio

Lo psicologo si avvicina alle persone, la Farmacia Leva offre infatti un servizio gratuito di consultazione psicologica per la promozione del benessere personale.

COS’E’ IL SERVIZIO DELLO PSICOLOGO IN FARMACIA?

Lo psicologo in farmacia è un servizio di consultazione, di facile fruizione, rivolto ai cittadini, che si svolge all’interno della farmacia.

La FARMACIA offre i propri locali e la professionalità del farmacista per una prima sommaria analisi del disagio e mette a disposizione dei cittadini il sostegno psicologico del professionista psicologo.

È una preziosa OPPORTUNITA’ per intercettare i BISOGNI INESPRESSI da parte di persone portatrici di un disagio psicologico e PROMUOVERE IL BENESSERE individuale e collettivo.

Il tipo di intervento offerto agli utenti del servizio è una CONSULTAZIONE BREVE, che ha come obiettivo quello di accogliere una situazione di disagio e di sofferenza psicologica, aiutando la persona a fare chiarezza dentro di sé e ad attivare, dove possibile, le proprie risorse, oppure individuando, se necessario, le Strutture presenti sul territorio che possano offrire una presa in carico.

Questo servizio si propone quindi di offrire interventi di PREVENZIONE, PRIMA CONSULENZA e ORIENTAMENTO.

 

PERCHE’ QUESTO SERVIZIO E’ UTILE?

Tutti noi, prima o poi, possiamo vivere periodi di difficoltà, dal punto di vista psicologico ed emotivo, più o meno lunghi e più o meno intensi, magari in riferimento alla nostra situazione di vita, a ciò che ci sta avvenendo o al contesto in cui ci troviamo. Tuttavia se, quando si sta male fisicamente è ritenuto normale, anzi doveroso, rivolgersi al medico, la stessa cosa non accade quando si prova un malessere psicologico, perché spesso tendiamo a sottovalutarlo, cercare di ignorarlo, pensare che passerà da solo, e ci facciamo influenzare dai pregiudizi e dalle informazioni errate che sono ancora molto presenti in riferimento alla figura delle psicologo.

D’altro canto, accade molto spesso, che le persone individuano nel propria farmacia di zona e nel proprio farmacista di fiducia un punto di riferimento, un luogo in cui esprimere le proprie difficoltà ed i propri bisogni, un posto sicuro e familiare in cui sentirsi accolti e certe volte, anche solo rassicurati, riguardo la propria situazione di salute, non solo dal punto di vista fisico, ma anche emotivo.
E’ proprio da questi due presupposti che nasce l’idea dalla collaborazione tra Psicologi e Farmacisti, e che rende molto utile questo tipo di servizio, che si basa su un concetto di salute legato al territorio e alla comunità, e che accoglie il crescente bisogno di aiuto psicologico dei cittadini. 

Sono due i PUNTI DI FORZA di questo servizio: il primo è la PROFESSIONALITA’ e l’ATTENZIONE del farmacista che, attraverso il contatto diretto con le persone può cogliere il disagio sommerso e indirizzare il paziente verso il servizio di consulenza psicologica della farmacia e il secondo è che LO PSICOLOGO SI AVVICINI ALLE PERSONE offrendo un PUNTO DI RIFERIMENTO RICONOSCIBILE e di FACILE ACCESSO, dove le persone che vivono uno stato di disagio possano essere accolte, trovare una prima risposta ai propri interrogativi e una prima forma di aiuto.

 

 COME FUNZIONA?

Ogni farmacia, in accordo con lo psicologo, può creare una propria modalità specifica di funzionamento del servizio, ma in genere è prevista una PRIMA CONSULTAZIONE, che può essere a titolo gratuito, come servizio fornito dalla farmacia ai propri clienti, seguito poi

da un PACCHETTO PERSONALIZZATO DI COLLOQUI, che solitamente non sono mai più di tre, a tariffa agevolata, che hanno lo scopo di orientare la persona verso una risoluzione naturale della problematica o verso i professionisti e le strutture idonee a risolvere il disagio.
L’intervento non è di tipo psicoterapeutico e lo psicologo è presente all’interno della farmacia da un paio di volte al mese, fino ad una o due volte alla settimana, su appuntamento, precedentemente concordato con il personale della farmacia.

La consultazione avviene all’interno della Farmacia, in un apposito locale riservato, predisposto al suo interno, in modo da garantire la riservatezza e la privacy.
Si può venire a chiedere un consulto anche se il problema riguarda un’altra persona, e insieme allo psicologo si può cercare di inquadrare la situazione riportata. Quello che si dice allo psicologo rimane segreto e il rapporto psicologo-cliente è regolamentato dal Codice Deontologico degli Psicologi e tutto quanto riferito è coperto da segreto professionale.

COM’E’ NATA LA FIGURA DELLO PSICOLOGO IN FARMACIA IN PIEMONTE?

Nel FEBBRAIO 2013 è stato sancito un Protocollo d’intesa tra l’Ordine dei Farmciasti della provincia di Torino, l’Ordine Regionale degli Psicologi del Piemonte, l’Associazione Titolari di farmacia della provincia di Torino e Farmaonlus.

Questo servizio è nato sull’onda delle disposizioni che definiscono le farmacie come erogatrici di “nuovi servizi” a forte valenza SOCIO-SANITARIA e in seguito alla sperimentazione “lo psicologo in farmacia” che si è tenuta in 80 farmacie in provincia di Torino da ottobre 2012 a gennaio 2013 in cui, nei locali delle farmacie, veniva erogato un servizio gratuito di CONSULTAZIONE PSICOLOGICA, in seguito alla quale c’è stata una valutazione positiva da parte dei titolari delle farmacie, dell’ordine dei farmacisti e degli psicologi, sia in termini di QUALITA’ del servizio che di APPREZZAMENTO da parte dell’utenza.

Dott.ssa Diletta Romanetto
Psicologa psicoterapeuta
diletta.romanetto.dr@gmail.com
+393464211849

© Farmacia Leva 2019 – Tutti i diritti riservati

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply