CRESCERE UN BAMBINO: Tenendo a mente il cervello

Due cervelli sono meglio di uno

Probabilmente sapete che il cervello è diviso in due EMISFERI, che non solo sono separati dal punto di vista anatomico ma funzionano anche in modo diverso. L’EMISFERO SINISTRO ama l’ordine e desidera realizzarlo, è logico, letterale, linguistico e lineare. L’EMISFERO DESTRO invece è olistico, ossia si interessa non tanto ai particolari ma al quadro d’insieme. Preferisce la comunicazione non verbale, le sua aree di specializzazione sono le immagini, le emozioni e i ricordi personali. È influenzato più dal corpo e dalle sensazioni. L’emisfero destro domina totalmente nei bambini fino a 3 anni, ma quando un bambino comincia a domandare in continuazione “Perché?”, l’emisfero sinistro sta entrando in gioco.

Per condurre una vita equilibrata, creativa e ricca di significato è necessario che i due cervelli lavorino in sinergia, realizzando un’INTEGRAZIONE ORIZZONTALE. In questo modo i nostri bambini daranno importanza alla logica e alle emozioni, saranno persone equilibrate, capaci di comprendere se stesse ed il mondo. Ecco alcune STRATEGIE per aiutare i bambini ad usare entrambi gli emisferi.

STRATEGIA 1: ENTRARE IN SINTONIA E REINCANALARE LE EMOZIONI

Come fare?

Quando i bambini sono sopraffatti da emozioni intense, per esempio sono arrabbiati o agitati, la logica spesso non serve finché non si è data una risposta ai bisogni emozionali dell’emisfero destro.

Parliamo in questo caso di SINTONIZZAZIONE, perché entriamo profondamente in contatto con l’altra persona, facendo sì che si senta sentita. Quando genitore e figlio realizzano questo provano un senso di unione.

Per quanto insensati, incomprensibili e frustranti possano sembrarci talvolta i sentimenti, le reazioni e le emozioni di nostro figlio, essi sono reali ed importanti per lui. Entrare in sintonia significa fare appello all’emisfero destro del bambino, dimostrandogli di capire come si sente, rimandandogli che vediamo che è arrabbiato o triste (o in qualsiasi altro modo si senta), accogliendo l’emozione che porta.

Questo contribuisce a riportare il cervello del bambino in equilibrio e a creare uno stato di maggiore integrazione. Solo allora si può cominciare a fare appello all’emisfero sinistro, dando e chiedendo spiegazioni, aiutando a trovare delle soluzioni e delle strategie concrete.

Questo è ciò che significa REINCANALARE l’attenzione e le energie verso l’emisfero sinistro.

ATTENZIONE: Tutto ciò non significa lasciare che i nostri figli oltrepassino i limiti o gettino al vento le regole solo perché in quel momento l’emisfero sinistro è fuori uso, ma può risultare molto più efficace parlare del comportamento sbagliato e delle sue conseguenze solo dopo che il bambino si sarà calmato. Potrà infatti essere molto più recettivo dopo che l’emisfero sinistro avrà ripreso a funzionare.

È fondamentale tenere a mente che quando il bambino è sommerso da un diluvio emotivo che scaturisce dal suo emisfero destro il genitore deve cercare di entrare in sintonia con lui, prima di provare a rincanalare l’emozione.

Questo approccio può essere un verso salvagente, cha aiuta a tenere a galla vostro figlio e impedisce che andiate a fondo con lui.

Nel prossimo articolo continueremo il viaggio alla scoperta di come è fatto il cervello dei bambini e di come poterli crescere conoscendolo meglio.

Dott.ssa Diletta Romanetto
Psicologa psicoterapeuta
diletta.romanetto.dr@gmail.com
+393464211849

© Farmacia Leva 2018 – Tutti i diritti riservati

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply