NON PERDETE LA TESTA: Allarme pidocchi!

La pediculosi è un’infestazione causata dalla presenza di parassiti chiamati pidocchi.

Quest’ultimi sono piccoli insetti grigio-bianchi senza ali che, grazie a delle zampe con uncini specifici, riescono ad attaccarsi fortemente a capelli e peli.

Per di più, essi sono in grado di pungere la parte del corpo colpita e depositare un liquido che causa intenso prurito.

Caratteristica peculiare dei pidocchi è quella di vivere “a carico” dell’uomo non essendo in grado di vivere lontano dall’ospite (muoiono dopo 2/3 gg. al di fuori del corpo umano e sono facilmente attaccati dai diversi sistemi di disinfestazione).

Il contagio di norma avviene sia per contatto diretto che attraverso lo scambio di oggetti come spazzole, cappelli, mollette, cuscini, biancheria etc…

Il pidocchio del capo (pediculus humanus capitis) è quello che causa le intestazioni più numerose.

Generalmente si annida nelle zone della nuca e dietro le orecchie ed ha la capacità di mimetizzarsi con il colore dei capelli.

Ha un ciclo vitale che si sviluppa nei 3 seguenti stadi:

  1. uova e lendini
  2. ninfa (forma immatura)
  3. pidocchio adulto

Il sintomo principe che evidenzia la presenza del parassita è il prurito, dapprima localizzato alle zone di deposizione delle lendini ed in seguito alla nuca ed alla parte alta del tronco.

Inoltre il ritrovamento dell’insetto adulto vivo e delle lendini (di forma allungata e traslucide) tenacemente attaccate al capello confermano la diagnosi di pediculosi.

Per eliminare l’infestazione occorre seguire scrupolosamente alcune indicazioni di trattamenti quali:

  • accurata ispezione del capo per rimuovere manualmente pidocchi e uova
  • trattare i capelli con un prodotto antiparassitario specifico
  • dopo il trattamento, usare un pettine in acciaio a denti molto fini per rimuovere le uova passandolo ciocca per ciocca partendo dalla radice del capello
  • lavare e disinfettare lenzuola, abiti, pettini, spazzole etc…
  • lasciare all’aria aperta gli oggetti e/o giocattoli usati dalla persona infestata

In farmacia sono acquistabili numerosi prodotti validi contro la pediculosi che possono essere utilizzati sia a scopo protettivo che curativo.

Di seguito vengono forniti gli esempi di alcuni fra i preparati più consigliati:

  • MOM shampoo e MOM shampoo schiuma: entrambi sono da massaggiare fino a totale distribuzione (5-10 minuti) sui capelli UMIDI e poi sciacquare
  • MOM kit preventivo shampoo + lozione: prima si spruzza quotidianamente la lozione in modo uniforme sui capelli ASCIUTTI per avere un’azione protettiva e poi si applica circa 3 volte a settimana lo shampoo
  • MOM kit shampoo post-trattamento + emulsione con pettine applicatore: anche in questo caso prima si distribuisce l’emulsione con l’aiuto del pettine sui capelli ASCIUTTI e lo si lascia agire per almeno 15 minuti, successivamente si usa lo shampoo
  • PARANIX shampoo protettivo e PARANIX prevent lozione spray: lo shampoo è da usare ogni 2/3 giorni per 2 settimane in sostituzione del normale shampoo nei periodo a maggior rischio ed allo stesso modo la lozione spray è da applicare quotidianamente
  • HEDRIN protettivo spray: da spruzzare e tamponare almeno 2 volte a settimana per la cura ed igiene dei capelli
  • HEDRIN rapid spray e gel: si distribuisce sui capelli ASCIUTTI e sempre sul capello asciutto si applica un normale shampoo
  • STOPPED shampoo, lozione e gel: lo shampoo presenta azione preventiva ed è da utilizzare come normale shampoo per lavaggi frequenti, la lozione si spruzza quotidianamente sui capelli asciutti ed infine il gel, dotato di funzione curativa, serve per trattare l’infestazione e bisogna lasciarlo agire per almeno 15/20 minuti

Normalmente è sufficiente una sola applicazione per i prodotti terapeutici, ciò nonostante è consigliabile ripetere il processo di disinfestazione 8 giorni dopo.

Dott.ssa Benedetta Cauvin
© Farmacia Leva 2018 – Tutti i diritti riservati

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply