CICATRICI: come migliorarne l’aspetto, appiattire, ammorbidire e levigare

La cicatrice ipertrofica, chiamata più propriamente cheloide, si presenta alcuni mesi dopo il taglio cutaneo, quando il processo riparativo si è concluso completamente; si presenta come uno strato di pelle ipersviluppato rispetto al tessuto circostante.

Avere un cheloide può rivelarsi un serio problema estetico, soprattutto quando è localizzato in una zona del corpo scoperta, ma anche di dolore che può non essere solo locale ma anche a distanza, e di limitazioni di movimento.

La corretta gestione di un cheloide è affidata al chirurgo, che deve rimuovere i punti esclusivamente quando la cicatrice è guarita, tempi troppo accorciati oppure non rispettosi dei tempi fisiologici di guarigione generano una mala gestione iniziale che portano a questo tipo di problematica.

Tra le cure che possiamo annoverare senza dubbio il ghiaccio applicato tre volte al giorno subito dopo la rimozione dei punti può aiutare a contenere i sintomi dolorosi e ridurre l’infiammazione.

Un valido aiuto giunge dai nostri laboratori. Si tratta di una miscela innovativa di siliconi e vitamina E (che aumenta l’efficacia del gel al silicone), facilmente applicabile su cicatrici in tutte le superfici cutanee, incluse viso e giunture; questi prodotti sono raccomandati come terapia di prima linea per trattamenti non invasivi.

Efficace nell’appiattire, ammorbidire e levigare la cicatrice, forma un film barriera invisibile ed opaco che protegge e idrata migliorando al tempo stesso l’aspetto del cheloide.

La terapia va iniziata quando la ferita è completamente chiusa e si deve applicare due volte al giorno, continuando il trattamento per almeno 60 – 90 giorni. Adatto per tutti i tipi di pelle, incluse quelle sensibili e dei bambini.

Per qualsiasi altra informazione potete contattare il nostro laboratorio via email o chiamando il numero 011544945 int. 2

Dott. Paolo Calliero

© Farmacia Leva 2018 – Tutti i diritti riservati

Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Share
Leave a reply